top of page

Monica Mazzone - Cenni biografici

A seguire i cenni biografici di Monica Mazzone. Dal 18 novembre Tendente Infinito, Lucio Saffaro - Orlando Strati - Monica Mazzone, a cura di Tatiana Basso. La mostra è corredata dal catalogo ed. Pendragon con testi di Tatiana Basso, Bruno D'Amore, Carlotta Minarelli e Gisella Vismara, realizzata con il sostegno e la collaborazione dell'Associazione Controcorrente, della Fondazione Lucio Saffaro e del CSC - Archivio Nazionale Cinema Impresa. More...

 

Monica Mazzone (Milano 1984) è un’artista visiva che vive e lavora tra Milano e New York. Consegue con lode il diploma di laurea in Arti Visive-Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera con una tesi sperimentale sulle bolle di sapone e, successivamente, ottiene una specializzazione in Management degli Eventi Culturali allo IED-Istituto Europeo del Design con il massimo dei voti.

La prima solo exhibition, Per un quasi infinito, allestita presso gli spazi della Galleria Formentini – Nuovo CIB (2009) a Milano dà inizio al suo personale progetto di ricerca che sarà sviluppato e presentato al pubblico in diverse occasioni, tra cui la prima mostra personale internazionale The Perfect Universe (2014) presso la Merkur Gallery di Istanbul.

Da lì in poi un crescendo di esposizioni in spazi pubblici e privati, in Italia e all’estero, consolida la sua ricerca e lo studio della matematica pura e della geometria sacra.

‘Geometria Emotiva’, così nomina la sua intera ricerca, è un’indagine empirica che guarda alla geometria come principio regolatore dell’atto creativo, atta a razionalizzare le emozioni vissute e comprendere gli accadimenti del mondo.


Monica Mazzone, Trittico della misericordia, polittico, olio su tavola e alluminio, cornice in alluminio, 2022, cm 190 x 260 x 5. Fotografia di Cosimo Filippini. Studio la Linea Verticale - Bologna.
Monica Mazzone, Trittico della misericordia, polittico, olio su tavola e alluminio, cornice in alluminio, 2022, cm 190 x 260 x 5. Fotografia di Cosimo Filippini. Studio la Linea Verticale - Bologna.

Monica Mazzone, operando nello spazio liminale fra pittura e scultura, crea strutture spaziali che si caratterizzano per una ritmicità visiva derivata dall’implicazione, in fase progettuale, del corpo e delle sue proporzioni, e imposta un metodo logico strettamente improntato ad un approccio sentimentale per indagare la spiritualità e la consapevolezza. Tutti i suoi lavori sono eseguiti a mano dall’artista stessa.

Ha al suo attivo partecipazioni a premi, residenze internazionali e progetti curatoriali.

Selezionata da importanti giurie, partecipa, per ricordarne alcuni, al Premio Nocivelli (2020), al Premio Cairo (2017) e al Premio Lissone (2012) esponendo le proprie opere in sedi istituzionali come Palazzo Reale a Milano.

Nel 2015 si trasferisce a New York dove entra in contatto con la comunità artistica americana che riconosce la singolarità del suo lavoro e nello stesso anno scrive una rubrica d’arte contemporanea, “Fruit Soap”, come inviata all’estero per il network Undo.Net.

Il 2017 la vede impegnata in un ciclo di conferenze su “Arte e Matematica” presso l’Istituto Universitario Federale Svizzero di Lugano.


Monica Mazzone, Le buone intenzioni, olio su tavola, cornice in alluminio, 2020-2021, cm 32 x 32 ciascuno. Serie di 6 dipinti. Fotografia di Cosimo Filippini. Studio la Linea Verticale - Bologna.
Monica Mazzone, Le buone intenzioni, olio su tavola, cornice in alluminio, 2020-2021, cm 32 x 32 ciascuno. Serie di 6 dipinti. Fotografia di Cosimo Filippini. Studio la Linea Verticale - Bologna.

Nel 2018, ospite della Fondazione NARS Foundation di New York, svolge una residenza di ricerca all’interno della fondazione medesima dove inizia una stretta collaborazione con curatori internazionali in un ciclo di studio visit e interviste.

Tra il 2019 e il 2020 trascorre alcuni mesi a North Adams grazie alla selezione vinta per il progetto di residenza del noto museo Mass MOCA.

Nel 2021 finalizza il progetto di ricerca newyorkese con la mostra personale Space Hurts sempre presso la NARS Foundation di New York.

Dal 2022 è docente di Cromatologia e Disegno per la Pittura presso l’Accademia di Belle Arti Aldo Galli di Como.


Monica Mazzone, Describing Rock, olio su tavola e alluminio, cornice in alluminio, 2021, cm 97 x 47 x 12. Space Hurts – dalla serie di 5 dipinti. Fotografia di Cosimo Filippini. Studio la Linea Verticale - Bologna.
Monica Mazzone, Describing Rock, olio su tavola e alluminio, cornice in alluminio, 2021, cm 97 x 47 x 12. Space Hurts – dalla serie di 5 dipinti. Fotografia di Cosimo Filippini. Studio la Linea Verticale - Bologna.

Le recenti mostre personali e collettive includono: NARS Foundation New York, Contemporary Cluster Roma, Spazio contemporanea Brescia, MASS MoCA North Adams, Museo Temporaneo Navile Bologna, Manuel Zoia Gallery Verona–Milano, Index Art Center Newark, Lac o le Mon Foundation Lecce, Museo di Arte Contemporanea del Sannio Benevento, La rada Foundation per l’Arte Contemporanea Locarno, The Border New York, Palazzo Reale Milano, Studio Maraniello Milano, Mars Milano, Giuseppe Pero Gallery Milano, Arthur Cravan Foundation Milano, Fabbrica del Vapore Milano, Merkur Gallery Istanbul, Fondazione Bandera per l’Arte Contemporanea Busto Arsizio, Palazzo Isimbardi Milano, Palazzo Lombardia Milano, Museo di Arte Contemporanea Lissone, riss(e) Varese, Museo Internazionale della Ceramica Laveno, Villa Contemporanea Monza, Palazzo Re Giulianova, Spazio Thetis Arsenale Venezia, Satzyor Gallery Budapest.

È inoltre un membro attivo della redazione della rivista d’arte «E IL TOPO» che promuove progetti con artisti di fama internazionale nel mondo.


 


TENDENTE INFINITO

Lucio Saffaro - Orlando Strati - Monica Mazzone

A cura di Tatiana Basso


CATALOGO ED. PENDRAGON

Con testi di

Tatiana Basso

Bruno D'Amore

Carlotta Minarelli

Gisella Vismara


IN COLLABORAZIONE CON

Associazione Controcorrente

Fondazione Lucio Saffaro

CSC - Archivio Nazionale Cinema Impresa


INAUGURAZIONE 18 NOVEMBRE H 18


STUDIO LA LINEA VERTICALE

18.11.2023-13.01.2024

Via dell’Oro 4B | Bologna (BO)


ORARI

Dal Martedì al Sabato 15.30-19

Gli altri giorni e orari su appuntamento

www.studiolalineaverticale.it

info@studiolalineaverticale.it

+39 392 0829558 | +39 335 6045420

in | fb | ig: @studiolalineaverticale


Flyer della mostra Tendente infinito di Monica Mazzone


68 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page