top of page

Alberto Colliva - Segnali di vita

Aggiornamento: 4 gen




Ti accorgi di come vola bassa la mia mente

È colpa dei pensieri associativi

Se non riesco a stare adesso qui.

[Franco Battiato, Segnali di vita]


Alberto Colliva (Castel d’Argile, 1943 - Bologna, 2023) si focalizza, in questa serie di opere, sulla testa. In opposizione alle parole di Battiato, nel suo esercizio pittorico l’artista concentra tutti i suoi sforzi per mantenere attiva l’attenzione. Attraverso lo sforzo ripetuto nell’autoritratto e nella rappresentazione della propria testa, egli riesce a mantenere la presenza sconfiggendo l’entropia.


La sua carriera inizia nella metà degli anni ‘60, ma è dagli anni ’80 che introduce nelle sue tele un elemento di sostanziale novità: la figura umana. Nel mondo pittorico dell’artista dominano luci violente connesse a cromie ricercate, sprezzanti ed intimiste. La sua pittura avvicina Inferno e Paradiso, demoniaco e divino, paura e coraggio.


A partire dal 1962 espone in varie mostre collettive di rilievo nazionale. Tra le personali si segnalano quelle tenute presso le gallerie bolognesi Duemila (1963), Il Cancello arte d’oggi (1966, 1968, 1972, 1974) e Forni (1976, 1978). A queste si aggiungono due personali tenute rispettivamente alla Galleria Correggio di Parma nel 1973 e alla galleria L’incontro di Imola nel 1979. Al 1996 risale la retrospettiva presso il Teatro Comunale di Castello d’Argile a cura di Dario Trento. Tra i critici che si sono occupati del suo lavoro si ricordano Pier Giovanni Castagnoli, Roberto Tassi e Pasquale Fameli.


 

WORKS IN EXHIBITION


1. Senza titolo, 1989, olio su tela, 40x35 cm cad.

2. Senza titolo, 1992-93, olio su tela, 65x56 cm.

3. Senza titolo, 1994, olio su tela, 35x30 cm cad.

 

OTHER WORKS | AVAILABLE IN THE GALLERY | BOLOGNA




 

EXHIBITIONS IN THE GALLERY


Immateriale-Corpo-Immateriale | Collettiva | more...

Gli arrabbiati del Battibecco | Tripersonale | more...

Link Room | Collettiva | more...

Mostra personale in programmazione a settembre 2023


 

Segnali di Vita - Liberamente ispirata alla spiritualità di Franco Battiato, è la mostra che dal 22 Luglio al 27 Agosto Studio la Linea Verticale presenta in Sicilia. La Cooperativa Etica Oqdany accoglierà la galleria come tappa dell’itinerario del Museo Diffuso del centro storico di Noto (SR). Il temporary space si svilupperà all’interno del suggestivo scenario della Chiesa di Montevergini, dove nella Sacrestia e sale ad essa attigue presentiamo cinque artisti esposti nella nostra sede di Bologna in questo primo anno di attività, ovvero Alberto Colliva, Francesca Dondoglio, Vale Palmi, Navid Azimi Sajadi e Claudio Valerio.


La mostra nasce dall’idea di omaggiare un grande cantautore siciliano, Franco Battiato, che ha dedicato la vita e l'arte al lavoro sulla propria coscienza e al quale la galleria deve il suo nome: La linea orizzontale ci spinge verso la materia, quella verticale verso lo spirito (Inneres Auge, 2009). More...

54 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page